"Ad un mondo migliore si contribuisce soltanto facendo il bene adesso ed in prima persona, con passione e ovunque ce ne sia la possibilità".Benedetto XVI : Deus caritas est

venerdì 26 dicembre 2014

Il Rwanda leader mondiale nell’esportazione del coltan

Quasi un terzo della produzione mondiale di coltan, per la precisione il 28%, è immesso sul mercato dal Rwanda. Infatti, secondo le statistiche della BNR-Banca Nazionale del Rwanda, il coltan, di cui abbiamo diffusamente parlato in un precedente post, con particolare riferimento al suo prezzo, ha prodotto ricavi dalla sua esportazione nell’anno 2013 per $ 134,6 milioni contro i 57 milioni del 2012 (+136,5%), per un’esportazione di complessivi 2.466 tonnellate di minerale( contro 1.144 nel 2012)  a un prezzo medio al kg di  $ 54,57. Nel complesso il comparto dei minerali, oltre il coltan si esporta la cassiterite e la wolframite, ha assicurato entrate dall’esportazione per complessivi $ 226 milioni nel 2013. Nei primi dieci mesi del 2014, sempre secondo la BNR, le esportazioni hanno riguardato 1931 tonnelate di minerale per un controvalore di $ 87,4 milioni, in diminuzione del 28,0% rispetto all’analogo periodo del 2013, anche a causa di una diminuzione del costo medio al kg. che si è attestato su $ 45.26. A fronte del primato nelle esportazione nessuna fonte parla del dato relativo alla produzione. Anche operatori autorevoli come la società di consulenza KPMG in un suo recente rapporto parla di "una crescita straordinaria nel 2013, sia in termini di produzione e di esportazione" facendo però solo riferimento al dato delle esportazioni fornito dalla BNR, senza produre alcun dato relativo al minerale estratto. Evidentemente, in assenza di un dato ufficiale circa la produzione si può affermare che non tutto il coltan esportato ufficialmente dal Rwanda è estratto dal sottosuolo del paese. Lo testimonia anche il dato stesso del quantitativo esportato nei primi dieci mesi del 2014 significativamente inferiore(- 13,37%) sull’analogo periodo del 2013: un  dato difficilmente spiegabile di fronte a un processo estrattivo regolare e in continua espansione dai siti rwandesi e quindi probabilmente riferibile all'aleatorietà dei rifornimenti provenienti dal vicino Congo. Infatti, non è un segreto per nessuno che una significativa parte del coltan ufficialmente esportato dal Rwanda abbia origine nel vicino Kivu nella R.D. del Congo e da qui approdi in Rwanda, in forme più o meno legali.Al riguardo bisogna ricordare gli sforzi compiuti dal Rwanda stesso per accreditarsi come trader legittimo dei minerali di origine congolese, nel rispetto delle normative internazionali emanate per contrastare il traffico di minerali provenienti da zone di conflitti (leggi precedente post).


martedì 23 dicembre 2014

Auguri

A tutti gli amici di Albe rwandesi 
un caro augurio 
di un sereno Natale e felice 2015

I bambini dell'asilo Carlin di Kagera

Noheli nziza n’Umwaka mushya muhire 2015

lunedì 22 dicembre 2014

Il Belgio taglia € 40 milioni di aiuti al Rwanda per mancati progressi nel buon governo

Il governo di Bruxelles ha deciso di non erogare 40 milioni di euro extra per gli aiuti allo svilippo promessi al Rwanda, in aggiunta ai 160 milioni di euro concessi dal 2011-2014. I 40 milioni aggiuntivi sarebbero dovuti essere erogati in presenza di  progressi significativi nell’area dei diritti umani, della libertà di stampa e del buon governo che secondo quanto sostenuto dal  Ministro per lo sviluppo, Alexander de Croo, il governo di Kigali ancora una volta non ha mostrato la volontà di perseguire.Anche se nel frattempo il presidente, Paul Kagame, ha fatto sapere che il suo paese non ha bisogno di soldi da parte dei paesi occidentali e che la questione sarà sul tavolo delle discussioni il prossimo mese quando si incontrerà con i ministri belgi a Bruxelles, resta il fatto che l'importo di 40 milioni di euro rappresenta una parte non di poco conto sull'ammontare complessivo degli aiuti esteri che concorrono per una quota di circa il 40% alla formazione del bilancio statale.

domenica 21 dicembre 2014

Nuovo ambasciatore del Rwanda presso la Santa Sede

Il Dr. François-Xavier Ngarambe, rappresentante permanente del Rwanda presso le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali con sede a Ginevra, nonché ambasciatore in Svizzera, è il nuovo ambasciatore presso la Santa Sede. Il dr. Ngarambe ha formalmente presentato le sue credenziali,insieme ad altre dodici ambasciatori, al Papa, in una cerimonia tenutasi giovedì scorso in Vaticano, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico. 
 Le relazioni diplomatiche tra Rwanda e Santa Sede celebrano quest'anno il 50 ° anniversario (leggi qui). 

venerdì 19 dicembre 2014

Ultimato l'edificio servizi nel campus scolastico di Kiruli




Il gruppo di lavoro di Kiruli in posa davanti all'edificio che ospita i nuovi servizi del locale centro scolastico. Una realizzazione sostenuta dall'Associazione Kwizera che qui, negli anni, ha già realizzato, in collaborazione con un comitato espressione della comunità locale, un acquedotto, un edificio scolastico con tre aule, una linea elettrica che ha portato la luce a un complesso di un centinaio di famiglie.

sabato 13 dicembre 2014

Kigeli V farà mai ritorno in Rwanda?

Il personaggio sicuramente di maggiore rilievo della diaspora rwandese è Re Kigeli V, l'ultimo re del Rwanda, in esilio dal 1960. Abbiamo raccontato la sua storia in un precedente post del marzo 2013. La sua vicenda viene riproposta oggi su The New Times, partendo proprio dall’articolo The King with no country  che aveva ispirato il nostro post. Dopo aver smentito dissapori con il governo rwandese l’autore del pezzo,  Albert Rudatsiburwa, riferisce che “in realtà, il governo ruandese ha lavorato negli ultimi due anni per garantire un ritorno dignitoso per ultimo Re del Rwanda” Secondo fonti vicine al comitato direttivo istituito per condurre colloqui con il monarca, Re Kigeli V si sarebbe dichiarato entusiasta all'idea di un suo ritorno.Quando però la cosa sembrava fatta e già si parlava per lui di una bella casa a Nyanza, l'antica capitale del Rwanda, e un cospicuo appannaggio, re Kigeli V ha declinato l’offerta optando per proseguire nel suo esilio. Di fronte a questa scelta che, secondo l’articolista, contraddice il buon senso rimangono aperti tutti gli interrogativi del caso: perché ha rinunciato a fare rientro nella terra degli avi ? chi lo ha consigliato in questa scelta?
Forse la risposta non la si conoscera' mai. Comunque sia, questa vicenda non sembra scalfire minimamente la dignità' regale di Kigeli V .

lunedì 8 dicembre 2014

Si conclude l’attività del TPIR-Tribunale penale internazionale per il Rwanda

Il Tribunale penale internazionale per il Rwanda-TPIR, creato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nella sua risoluzione955 (1994)   dell '8 novembre 1994 "per perseguire i responsabili di genocidio e di altre gravi violazioni del diritto umanitario internazionale commesse nel territorio del Rwanda e territori di Stati vicini tra il 1 ° gennaio 1994 e il 31 dicembre 1994 ", ha celebrato di recente i suoi 20 anni di esistenza ad Arusha (Tanzania), dove ha la sua sede, prima di concludere definitivamente il proprio mandato con la conclusione dei giudizi di appello ancora pendenti, che si stanno però celebrando a L'Aia in Olanda. Nell’occasione  è stata data enfasi all’attività svolta che si concretizza in 93 persone processate, comprendenti alti capi militari e di governo, imprenditori e autorità religiose e leader delle milizie e dei media in servizio nel 1994.All’esito dei processi ci sono state 61 condanne, 14 assoluzioni, 10 persone rinviate davanti alle giurisdizioni nazionali, 3 persone decedute prima o durante il processo, 3 fuggitivi  rinviati davanti al Tribunale penale internazionale-MTPI, Félicien Kabuga, Protais Mpiranya e Augustin Bizimana, 2 atti d’accusa ritirati prima del processo. Di fronte ai numeri piuttosto contenuti della propria attività, nel proprio sito, aggiornato nell’occasione dell’anniversario e destinato a testimoniare il lavoro svolto, il TPIR sottolinea con enfasi che, “insieme ad altri tribunali internazionali, il TIPR ha svolto un ruolo di pioniere nella creazione di un sistema internazionale di giustizia penale credibile attraverso lo sviluppo di un corpus significativo di giurisprudenza sul genocidio, crimini contro l'umanità, crimini di guerra e delle forme di responsabilità individuale e di responsabilità di comando.Il TPIR è il primo tribunale internazionale a pronunciare il giudizio per il genocidio e il primo a interpretare la definizione di genocidio contenute nelle Convenzioni di Ginevra del 1948. E 'anche il primo tribunale internazionale a definire lo stupro nel diritto penale internazionale e riconoscere lo stupro come strumento di perpetrare un genocidio.” Altro titolo di merito attribuitosi è quello di aver riconosciuto la colpevolezza di esponenti dei media  “per la trasmissione di programmi volti a incoraggiare il pubblico a commettere genocidio”, come nel caso di Georges Ruggiu, belga di padre italiano, conduttore della  Radio Télévision Libre des Mille Collines (RTLM).  I critici del ruolo svolto dal TPIR nel ventennio sottolineano in particolare il fatto di non aver mai voluto o, forse,  potuto

martedì 2 dicembre 2014

Dal Forum nazionale dei giovani cattolici di Byumba

I giovani di Ruhengeri consegnano la croce
 
ai giovani di Byumba
Ecco la documentazione fotografica di alcuni momenti del 13° Forum nazionale dei giovani cattolici rwandesi che si è tenuto a Byumba dal 19 al 23 novembre a cura della Commissione Episcopale  per la Pastorale dei Giovani. Al Forum, oltre che rappresentanti di tutte le diocesi rwandesi, erano presenti anche delegazioni della Rep. Dem. del Congo e del Burundi. 

I giovani nella basilica di Byumba

L'imprenditore Gerard Sina, con il vescovo di Byumba,
parla ai giovani

La delegazione della R.D. Congo

Il riempimento di una delle cisterne messe a disposizione
 dall'Associazione Kwizera

lunedì 1 dicembre 2014

Il tour italiano di Don Paolo Gahutu

Don Paolo con il parroco di Barga
Dopo aver partecipato al VI Congresso Mondiale della Pastorale dei Migranti a Roma, don Paolo Gahutu si è intrattenuto qualche giorno con gli amici di Grosio in  Valtellina per poi scendere in Toscana, dove nella serata di giovedì ha incontrato a Gallicano gli esponenti dell associazione Kwizera, in occasione di una pizzata tenutasi nel nuovo locale gestito da Angelo, il segretario dell'Associazione.Nei giorni successivi si è fermato a Barga, così come riferisce nella sua cronaca Il Giornale di Barga on line, per poi fare rientro nella serata di lunedì in Rwanda.
 È di passaggio in questi giorni a Barga padre Paolo Gautu, il sacerdote rwandese diventato negli anni amico di Barga e punto di riferimento tra la nostra comunità e quella delle sue origini.Padre Paolo giunse a Barga per la prima volta nel 2005 inviato dall’arcivescovo di Pisa e, date le cattive condizioni di salute del proposto don Piero Giannini, rimase con noi per circa nove mesi come cappellano dell’ospedale. Quei pochi mesi furono sufficienti a intessere sinceri rapporti di affetto e così, ogni volta che è stato possibile, padre Paolo è tornato a Barga per un saluto agli amici.Il suo legame con la nostra terra non è solo di affetto  ma anche di fattiva collaborazione, dato che negli anni sono state diverse le collaborazioni con i Lake Angels e l’associazione Kwizera di Gallicano, che hanno  sviluppato diversi progettiin favore delle comunità rwandesi, non ultima la costruzione di un acquedotto.